Coronavirus: Operatori sociosanitari eroi o untori? depressione (50%), ansia (45%) e insonnia (34%). Serve supporto psicosociale

Gli operatori sociosanitari rappresentano, a detta dello psichiatra, una delle categorie che necessita’ di supporto psicosociale immediato. 

A lanciare l’allarme è Tonino Cantelmi, presidente dell’Istituto di terapia cognitivo-interpersonale (Itci) di Roma e coautore, con Emiliano Lambiase, dello studio ‘Covid-19: impatto sulla salute mentale e supporto psicosociale’.

“In qualche modo chi sta pagando un prezzo molto alto in termini di stigma sono gli operatori sociosanitari – ripete Cantelmi – che se da un lato vengono esaltati, ammirati, quasi vissuti come degli eroi, dall’altro rischiano di essere gli untori e come tali possono essere vissuti dai familiari o dalle persone conviventi. Non solo stanno svolgendo un lavoro enorme, ma devono gestire un trauma incredibile, perche’ vedono morire persone. In aggiunta a questo, sono costretti a un isolamento affettivo e stanno in quarantena dentro la loro stessa casa”. È una fotografia abbastanza allarmante, quella scattata da Cantelmi, che tuttavia non viene dal nulla. 

“Abbiamo molti studi condotti nel mondo in situazioni simili al Covid-19, come la Sars o altre epidemie, che evidenziano come gli operatori sociosanitari impegnati in prima linea siano a rischio per la loro salute mentale e che nel tempo – continua Cantelmi – possono sviluppare un disturbo da trauma che si puo’ manifestare negli anni successivi. Il disagio si concretizza in disturbi dell’umore e reazioni ansiose connesse a frammenti di vissuti traumatici che si riattivano durante i periodi successivi”. 

L’evidenza si ritrova nel recentissimo studio pubblicato sul Journal of American Medical Association, basato su un’indagine svolta dal 29 gennaio al 3 febbraio e relativa alla salute mentale di 1.257 operatori sanitari che hanno assistito pazienti affetti da Covid-19 in 34 ospedali della Cina”. I risultati non sono confortanti- si legge nello studio di Cantelmi – gran parte di essi riferisce di sperimentare sintomi di depressione (50%), ansia (45%), insonnia (34%) e distress (71,5%). 

Il personale infermieristico, poi, riporta sintomi particolarmente gravi e forse questo non sorprende, dato che sono maggiormente a contatto con i pazienti – sottolinea lo psichiatra – aumentando quindi il rischio di contagio, sono a piu’ diretto contatto con la sofferenza e devono esercitare costantemente la compassione mentre contengono i propri sentimenti. Gli operatori di prima linea e quelli di Wuhan, epicentro dell’epidemia originale, hanno manifestato un carico psicologico maggiore rispetto agli operatori sanitari cinesi piu’ lontani dall’epicentro”.

“Ricordiamo che molti operatori sociosanitari sperimentano un isolamento ulteriore – precisa lo psichiatra – nel senso che non vivono con le loro famiglie e sono costretti a stare per conto loro. Alcuni di questi hanno creato dei gruppi e vivono nello stesso edificio. Nel Lazio ci sono delle strutture per disabili, ad esempio, ed alcuni operatori si sono autoconfinati li’. In qualche modo chi sta pagando un prezzo molto alto in termini di stigma sono gli operatori sociosanitari – ripete Cantelmi – che se da un lato vengono esaltati, ammirati, quasi vissuti come degli eroi, dall’altro rischiano di essere gli untori e come tali possono essere vissuti dai familiari o dalle persone conviventi. Non solo stanno svolgendo un lavoro enorme, ma devono gestire un trauma incredibile, perche’ vedono morire persone. In aggiunta a questo, sono costretti a un isolamento affettivo e stanno in quarantena dentro la loro stessa casa”.

Un altro studio rileva, inoltre, che durante “l’epidemia di Sars del 2003, gli operatori sanitari temevano di infettare la famiglia o gli amici e si sentivano stigmatizzati perche’ erano in stretto contatto con pazienti malati. Hanno sperimentato uno stress significativo e a lungo termine. Paure simili stanno probabilmente contribuendo al disagio degli operatori sanitari impegnati ora in Italia, oltre all’ovvia preoccupazione di correre un rischio superiore alla media di contrarre Covid-19”. Dunque una conseguenza negativa inattesa per la categoria degli operatori sanitari e’ proprio lo stigma.

“Circa il 20% degli operatori sanitari coinvolti nell’epidemia di Sars a Taiwan ha avvertito stigmatizzazione e rifiuto da parte del proprio vicinato. A Singapore – spiega Cantelmi – il 49% degli operatori sanitari durante l’epidemia di Sars ha subito stigmatizzazione sociale, a causa del proprio lavoro. Allo stesso modo, le infermiere coreane che lavorano negli ospedali con pazienti con Mers-CoV sono state messe a distanza dai loro cari (ad esempio famiglia o amici) e gli e’ stato vietato l’uso di ascensori nei loro palazzi, e persino ai loro figli non e’ stato permesso di frequentare asili e scuole. Esistono anche alcune prove empiriche di stigma tra i principali operatori sanitari durante l’epidemia di Sars a Singapore”.

“L’appello che abbiamo rivolto, inviando questo studio a tutte le autorita’, e’ di attivare un supporto psicosociale immediato a livello nazionale. Innanzitutto per le categorie piu’ a rischio, ovvero gli operatori sociosanitari coinvolti nel Covid, i parenti delle vittime e i sopravvissuti. Successivamente dobbiamo immaginare di fornirlo a chiunque ne abbia bisogno e in modo gratuito. Dobbiamo costruire una rete di persone disponibili ad offrire un sostegno psicosociale.

info: http://www.salutedomani.com/results/coronavirus

fonte: http://www.salutedomani.com/article/coronavirus_operatori_sociosanitari_eroi_o_untori_depressione_50_ansia_45_e_insonnia_34_serve_supporto_psicosociale_28971